16 maggio 2010

SHADOW (Federico Zampaglione - 2012 ITA)




Per la prima volta ci occupiamo di un film horror italiano contemporaneo. Perchè ne vale davvero la pena. Finalmente. Shadow è un film horror slasher anni 2000. Figlio di questi tempi. Si può ricollegare al nuovo horror francese (Martyrs, A L'Interieur, etc.). Film duri, con sangue a fiotti ma con sceneggiature moderne e coraggiose. Quindi scordiamoci l'orrore dei tempi che furono. Basta col culto del vintage. Andava bene negli anni 90. Può bastare a Tarantino. A noi non basta più. Bava, Fulci, Argento, etc. Maestri Assoluti. Ma del passato. Adesso siamo obbligati a guardare avanti.




Shadow ha una struttura canonica, con tanto di mostro sadico e vittime sacrificali. Segue il classico canovaccio, rispettosamente. Ma è girato benissimo (sarà stato davvero Zampaglione? Vorrebbe dire che ha sbagliato lavoro per 15 anni ...). Salti sulla sedia un paio di volte, ridi e ti schifi con giusta alternanza. Finisce con un bel colpo di scena, per alcuni fastidioso, digestivo per altri. Comunque ti soddisfa e torni a casa.

 

Poi però ci ripensi ... e capisci ... e finalmente ti arriva il messaggio finale ... matafisico e a suo modo originale. Coraggioso e cinematograficamente ironico (l'idea dei Super8 poi è davvero incredibile). Ed è a questo punto che un piccolo miracolo si compie. Perchè l'horror "perfetto" è proprio questo. Un bel piatto, condito e saporito. Che a fine pasto ti sazia e ti fa ruttare. Ma dopo, durante la digestione, ti irrora di retrogusti che rispettosamente non ti eran stati forniti subito, ma in un secondo momento. Perchè prima gusti col palato. Poi gusti col cervello.

 

Tutto qui. Ma di questi tempi è "sangue" che cola. E sopratutto non vogliamo fare la fine di quelli che negli anni 70/80 smerdavano i contemporanei Bava e Fulci, quando avevano la possibilità di gustarsi tesori appena sfornati. Perdendone l'occasione irripetibile. Troppo facile rivalutare, dopo 20/30 anni. Più difficile "valutare" sul momento e coraggiosamente difendere delle posizioni. Sopratutto quando ci sono tutti i presupposti per farlo. APRI GLI OCCHI.

VOTO: OTTIMO E ABBONDANTE (4 su 5)

 

Nessun commento:

Posta un commento