6 febbraio 2014

PARADISE: HOPE (Ulrich Seidl - Austr Fra Germ 2013)



Trama: Melanie è una graziosa ragazzotta austriaca, molto timida e abbastanza sovrappeso. Mentre la madre è in vacanza in Kenya in cerca di maschi (protagonista del primo episodio della trilogia), e la zia scorazza per la nazione insieme a Gesù (la protagonista del secondo episodio), la tredicenne viene reclusa in un centro dimagrante para-nazista, sperduto tra le montagne. Insieme ad altri paffuti coetanei sarà mercè di sadici ginnasti, nutrizioniste megere, e un dottore ambiguo che le ruberà il cuore.



Secondo noi: Dopo averci mostrato le squallide vacanze sessuali e gli inquietanti deliri religiosi degli adulti, Seidl completa la sua tagliente PARADISE TRILOGY focalizzandosi sulle nuove generazioni austriache. La domanda è: dati per spacciati i padri (assenti) e le madri (follemente in cerca di sesso o in cerca di Cristo), c'è una speranza per i figli? La risposta è chiara: una piccola speranza ci sarebbe pure, ma il sistema li schiaccia, li forgia e li risputa svuotati e pronti a una vita di merda. Ecco quindi che Melanie e le sue amichette, nei miseri tentativi di sottrarsi ai loro "carnefici", divengono eroine ribelli in un mondo disumanizzato. Agli adulti invece, ormai senza speranza, non resta che invidiare la gioventù delle loro vittime "annusandone" di nascosto le fresche carni. 

IMPORTANTE: A fine pellicola fate scorrere i titoli di coda, alzandovi in piedi e cantando la canzone dei ciccioni, percuotendo pancia e chiappe: "If you’re happy and you know it clap your fat!!!"

Giudizio: OTTIMO E ABBONDANTE (4 su 5)

 Paradies: Hoffnung
(2013) on IMDb



Nessun commento:

Posta un commento