4 febbraio 2014

PARADISE: LOVE (Ulrich Seidl - Austria Germ Fra 2012)



Trama: Teresa è una simpatica tardona austriaca tutta ciccia e cioccolata. Ma è stanca della vitaccia che conduce: il marito l'ha scaricata, la figlia sembra distante, la solitudine si fa pesante. Prende coraggio e parte per il Kenya con un gruppo di amiche. La parola d'ordine è una sola: SESSO!!! Ma Teresa in realtà cerca l'Amore, e la situazione si complica tragicamente, con risvolti profondamente trash.



Secondo noi: Le vacanze sessuali descritte nel loro peggior squallore (interiore ed esteriore). L'umorismo è tagliente, ma è il dramma grottesco a emergere. Seidl è un cinico che non si ferma di fronte a nulla, ci sbatte in faccia di tutto (sesso, lacrime, soldi, inganni, prostituzione, solitudine, festini, grassone, negroni), col suo stile gelido, distaccato, razionale, geometrico. La scena del regalo di compleanno (e festino annesso) entra di diritto nell'Olimpo del weird cinematografico. Assolutamente da non perdere anche i successivi due film (PARADISE FAITH e PARADISE HOPE) che completano la PARADISE TRILOGY, un attacco durissimo e sfottente alla società austriaca. JAMBOOO!!!

Giudizio: CAPOLAVORO (5 su 5)

 Paradies: Liebe
(2012) on IMDb


Vi lasciamo il fantastico trailer:

Nessun commento:

Posta un commento